Oracle Exadata porta il cloud pubblico nel datacenter dei clienti

Con Oracle Exadata Cloud Machine, cresce l’offerta Cloud at Customer di Oracle introdotta sul mercato poco più di un anno per aiutare i clienti a spostare sul cloud pubblico i carichi di lavoro enterprise senza il vincolo di requisiti aziendali, legislativi e normativi che impediscono la migrazione dei dati e delle applicazioni all’esterno del datacenter.

A supporto dei clienti impegnati a colmare il gap tra cloud pubblico e sistemi on-premise c’è ora Exadata Cloud Machine, che consente ai clienti di sfruttare i vantaggi dell’offerta Oracle Cloud Platform per gestire i carichi di lavoro mission-critical all’interno dei propri datacenter implementando Exadata come servizio cloud nel proprio datacenter, oppure su Cloud Oracle o, ancora, nei più tradizionali ambienti on-premise.

Oracle_Exadata_Cloud

Nel datacenter tutti i vantaggi del cloud

Già scelta da migliaia di clienti per l’uso dei database Oracle mission-critical, Exadata Cloud Machine offre, inoltre, con sottoscrizione di abbonamento, la medesima value proposition anche ai clienti che non possono passare a un cloud pubblico o non sono ancora pronti per farlo.

Diventa così possibile accedere a opzioni e funzionalità, come Real Application Clusters, Database In-Memory, Active Data Guard e Advanced Security facendo, eventualmente, migrare al cloud tutte le applicazioni già presenti senza alcuna modifica.

Exadata_DatabaseI servizi Exadata Cloud e Exadata Cloud Machine sono, infatti, in grado di garantire una piattaforma database cloud avanzata in abbonamento e capacità di “bursting online” in tempo reale, ma anche cloud flessibile distribuito nel cloud pubblico di Oracle o nel datacenter del cliente lasciando a Oracle la gestione di tutta l’infrastruttura, mentre l’eventuale migrazione su cloud è resa semplice e diretta dalla piena compatibilità hardware e software assicurata.

Iniziato nel datacenter, il passaggio al cloud consente, infine, di mantenere l’interazione diretta con le applicazioni che rimangono on-premise e a Exadata Cloud Machine di estendere la medesima capacità per consentire alle aziende di sfruttare all’interno del proprio datacenter tutti i vantaggi offerti dai servizi di cloud pubblico Oracle.

Chi fa che cosa

Il modello d’offerta, molto simile all’abbonamento al cloud pubblico, permette ai clienti di soddisfare esigenze di disaster recovery, elastic bursting, dev/test, migrazione dei carichi di lavoro in modalità lift-and-shift e di avere a disposizione un singolo set di strumenti DevOps per Api e scripting lasciando agli esperti di Oracle il controllo e la gestione dell’infrastruttura e degli stessi tool utilizzati nel cloud pubblico di Oracle, anche per il provisioning delle risorse sulla Cloud Machine.Exadata_Machine

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO