Collaboration efficace in azienda? IaaS è la risposta

Le aziende che vogliono innovare con successo nel cloud devono lavorare per realizzare una maggiore integrazione dei servizi e delle applicazioni utilizzate e abbattere i tempi per il loro deployment.
IaaS_Oracle_ReportLo dicono i dati di IaaS: building a business that innovates, ricerca condotta da Oracle intervistando 1.200 decisori di tecnologia presso aziende di medio e gradi dimensioni dell’area EMEA, dalla quale emerge chiaro, per il 62 per cento dei rispondenti, il bisogno di collaborazione tra l’It e i responsabili delle linee di business affinché il modello di cloud enterprise abbia successo in azienda.
Un ulteriore 41 per cento si dice convinto che la carenza di comprensione da parte delle divisioni di business nei confronti dell’esigenza di risorse cloud integrate sia una delle sfide che oggi toccano l’infrastruttura It nell’ambito del deployment del cloud, mentre il 34 per cento ha dichiarato che la gestione del cosiddetto shadow It, ossia l’acquisto di tecnologie da parte delle line-of-business all’insaputa del proprio dipartimento It, rappresenta un ostacolo significativo all’adozione di un approccio integrato alla nuvola.

Condotta esaminando il modo in cui le aziende stanno approcciando il cloud e le problematiche organizzative che impattano negativamente sulla sua adozione, la ricerca ha, inoltre, messo in luce come a pesare siano anche la discordanza tra le infrastrutture e gli aumentati rischi legati alla sicurezza, riportati dal 34 per cento del campione, insieme a costi più alti (32%) e alla necessità di assicurare il ritorno dell’investimento, citato da poco più del 30 per cento del campione.

In linea con i dati riportati a livello EMEA, in Italia il campione dei rispondenti ha evidenziato, nel 32 per cento dei casi, la shadow It quale “barriera significativa” all’adozione di un approccio integrato al cloud richiamando, nel 45 per cento dei casi, quale sfida principale, la comprensione da parte dei responsabili business della necessità di risorse cloud integrate.

Più in generale, contro un’infrastruttura divenuta troppo rigida e complessa, all’interno della quale le opportunità e l’innovazione cadono nelle crepe che separano le linee di business da sistemi mal integrati, il suggerimento è di passare a un modello di infrastruttura come servizio.
Tramite un modello IaaS, che fornisce accesso rapido al provisioning, risorse ad alte prestazioni e controllo dei costi, le aziende, sostiene Oracle, hanno a disposizione le basi comuni per l’implementazione del cloud e la mitigazione dell’effetto silos, che limita innovazione e governance.
Non ultimo, la modalità pay as you go, che sottende a un modello di Infrastructure as a Service, consente ai dipartimenti It di spostare l’attenzione dal total cost of ownership ad aspetti più strategici e di garantire il vero just in time e risorse self service per un’ampia gamma di carichi di lavoro.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO